Aumenta il numero degli artigiani romani che rinunciano alla pausa estiva, il Presidente Andrea Rotondo su Il Tempo.

Cambiano le abitudini estive in città, secondo le associazioni dei commercianti ad oggi a Roma risultano aperte il 90% delle attività.

Pieni supermercati, centri commerciali e le vie del centro grazie anche al numero elevato di turisti che, nonostante l’aumento generale dei prezzi dati dal rincaro delle materie prime, portano le attività a mantenere la serranda alzata piuttosto che le ferie.

Secondo i dati di Confartigianato Roma sono oltre 800 le attività che non chiuderanno ad agosto e di queste il maggior numero si ritrova nell’autoriparazione, commercio e servizi, impiantistica, acconciatura ed estetica.

Le considerazioni del Presidente:

“Rispetto all’estate scorsa ci sono almeno 200 artigiani che hanno rinunciato alle vacanze”.