Bando Voucher Transizione Energetica

Obiettivo

Il Bando Voucher Transizione Energetica – anno 2023 prevede contributi a fondo perduto per consulenza, formazione e impianti, macchinari e attrezzature finalizzati all’efficientamento energetico dell’impresa e all’introduzione di fonti di produzione energetica rinnovabili

Contributo

Le agevolazioni sono accordate sotto forma di voucher, pari al 70% delle spese ammissibili, fino all’ importo massimo di 10.000,00€ a impresa
Per accedere alla misura, l’investimento deve prevedere una spesa minima di 3.000,00€ (al netto dell’IVA).

Le risorse messe a disposizione delle imprese per la misura ammontano a complessivi 2.500.000,00€.

Spese Ammissibili

Si intendono valide tutte le spese a partire dal 1 gennaio 2023 (corredate da fatture) e tutte quelle successive alla data di presentazione della domanda (corredate da preventivi di spesa con fatture).

A. SPESE PER SERVIZI DI CONSULENZA:

 

    • audit energetico e diagnosi energetica dei processi;

    • spese progettuali e legali per la creazione di Comunità Energetiche;

    • redazione di piani di efficientamento energetico;

    • sistemi di gestione energetica ISO 5001;

B. SPESE PER SERVIZI DI FORMAZIONE:

 

    • costi per la formazione del personale interno per la creazione di una figura aziendale di esperto gestione energetica (EGE) o energy manager;

C. SPESE PER IMPIANTI, MACCHINARI E ATTREZZATURE (no superbonus):

 

    • acquisto e installazione di collettori solari termici e/o impianti di microcogenerazione; 

    • acquisto e installazione di impianti fotovoltaici per l’autoproduzione di energia con fonti rinnovabili da utilizzare nel sito produttivo; 

    • acquisto e installazione di caldaie ad alta efficienza a condensazione, a biomassa ovvero pompe di calore in sostituzione delle caldaie in uso nella sede oggetto dell’intervento; 

    • acquisto e installazione di raffrescatori/raffreddatori evaporativi portatili o fissi che non richiedono l’utilizzo di fluidi refrigeranti in uso nella sede oggetto di intervento; 

    • acquisto e installazione di sistemi di domotica per il risparmio energetico e di monitoraggio dei consumi energetici;

    • acquisto e installazione di macchinari e attrezzature in sostituzione dei macchinari e delle attrezzature in uso nella sede oggetto di intervento ovvero di nuovi impianti, macchinari e attrezzature, che consentano il contenimento dei consumi energetici o che siano finalizzati al risparmio energetico ovvero al recupero di cascami di energia.

Requisiti fondamentali al momento della domanda

Per le spese A e B l’impresa deve avvalersi dei seguenti fornitori:

 

    • EGE (Esperti in Gestione dell’Energia) certificati a fronte della norma UNI CEI 11339 da enti accreditati e cluster tecnologici e energetici; 

    • Start-up innovative e PMI innovative;

    • Energy manager e/o altri esperti che abbiano realizzato nell’ultimo triennio almeno tre attività, a favore di clienti diversi, per servizi di consulenza/formazione alle imprese, nell’ambito dei servizi di cui al comma 3 del presente articolo. Il fornitore è tenuto, al riguardo, a produrre una autocertificazione attestante tale condizione da consegnare all’impresa beneficiaria prima dell’invio della domanda di voucher.
       

Per le spese alla lettera C l’impresa deve avvalersi dei seguenti fornitori:

 

    • Obbligatorio produrre in sede di rendicontazione dell’intervento effettuato la relazione di un tecnico iscritto al relativo ordine professionale competente per materia o di un EGE (Esperto in Gestione dell’Energia), esclusivamente utilizzando il modello predisposto dalla Camera, che certifichi il dettaglio dell’intervento realizzato con evidenza, a pena di inammissibilità, del risparmio energetico conseguito attraverso l’intervento ovvero della produzione di energia da fonti rinnovabili. (10% delle spese).

La nostra Consulenza

Confartigianato Roma fornisce consulenza completa dalla verifica dei requisiti fino alla predisposizione della modulistica necessaria alla compilazione della domanda di accesso al bando.

Modulo di contatto