guida

GUIDA ALL'ASSOCIAZIONE

CONFARTIGIANATO ROMA CITTA’ METROPOLITANA

regolamento

BROCHURE NAZIONALE

CONFARTIGIANATO ROMA CITTA’ METROPOLITANA

tesseramento

CONFARTIGIANATO PERSONE

CONFARTIGIANATO ROMA CITTA’ METROPOLITANA

guida

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE

CONFARTIGIANATO ROMA CITTA’ METROPOLITANA

Effetto Covid, in un solo trimestre sparite a Roma 400 aziende artigiane. Rotondo: “Situazione estremamente preoccupante”

FONTE: Lavoro Lazio

https://www.lavorolazio.com

“Effetto Covid, chiuse 400 aziende”, è l’apertura del Corriere di Roma. Studio di Infocamere sull’artigianato da gennaio a marzo scorsi. «Peggio da settembre». Male fabbri e falegnami, reggono edilizia e centri estetici. I gestori di pullman turistici:«Ztl, permessi da prorogare».

A pagina 2: “Artigianato, trimestre nero: meno 400 aziende Male fabbri e falegnami”. Ricerca Infocamere sui tre mesi gennaio-marzo. Prime chiusure pure per alimentari e sartorie.

Confartigianato: “Parrucchieri e centri estetici si sono ripresi, stesso fatturato dell’anno precedente”.

“La situazione dell’artigianato romano dopo il Covid è estremamente preoccupante”, le parole del presidente di Confartigianato Andrea Rotondo.
In un solo trimestre sono sparite 413 aziende, e “molto peggio prevediamo che saranno i dati di settembre – dice Rotondo -. L’artigianato romano si sta impoverendo, e non tanto per la riduzione del numero delle imprese ma soprattutto per la percezione che essere ‘artigiano’ non procura nessun vantaggio a differenza di quanto stabilisce l’articolo 45 della Costituzione, ‘La legge provvede alla tutela e allo sviluppo dell’artigianato’. Analizzando la situazione vediamo come i parrucchieri e i centri estetici sono quelli che si sono ripresi più rapidamente dopo il Covid, e a maggio in due settimane hanno fatto lo stesso fatturato di tutto il mese di maggio dell’anno precedente. L’edilizia può contare su un futuro meno nero grazie al bonus del 110% per le ristrutturazioni? Potrebbe essere il vero valore aggiunto per far ripartire il settore, con l’impiantistica e la sostituzione delle caldaie.

“Maggiori preoccupazioni nell’alimentare? Noi chiediamo – dice il presidente di Confartigianato – che il Comune tratti anche il settore alimentare artigianale come ha trattato la ristorazione, permettendo la possibilità di avere dei tavoli all’aperto. È ora di superare le limitazioni nella zona Unesco: la delibera del 17 aprile 2018, fatta per frenare il degrado, si sta mostrando in questo momento storico limitante”. Se poi si raffrontano i dati di oggi con quelli di otto anni fa, aggiunge Rotondo, “il quadro risulta ancor più preoccupante”.

Rotondo propone la sua ricetta anti-crisi: “Sostegno alla domanda interna. Finora mai al centro del modello di crescita perché si è puntato alla competitività sui mercati esteri”.

FONTE: Lavoro Lazio

https://www.lavorolazio.com